Sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30/12/2019 è stata pubblicata la Legge di Bilancio 2020 che proroga per tutto il 2020 le detrazioni fiscali per gli interventi di ristrutturazione (Bonus Casa), in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020. La detrazione fiscale (IRPEF), per questo tipo di interventi, è fissata in misura del 50%.

Per avere accesso alla detrazione fiscale è necessario trasmettere all’ENEA la pratica on-line attraverso l’apposito sito web (non ancora attivo per gli interventi relativi all’anno 2020); il limite temporale per la comunicazione telematica della pratica sarà probabilmente come in precedenza, ovvero: 90 giorni dalla data di fine lavori.

La seguente tabella sintetizza gli interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti di energia rinnovabile che usufruiscono delle detrazioni fiscali del 50% previste per le ristrutturazioni edilizie – ex art. 16 bis del DPR 917/86 soggetti all’obbligo di invio all’ENEA:

Componenti e tecnologieTipo di intervento
Tipo di interventoRiduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ esterno, dai vani freddi e dal terreno;
Riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi;
Riduzione della trasmittanza termica deipavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ l’esterno, dai vani freddi e dal terreno;
Infissi Riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi
Impianti tecnologici Installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;
Sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;
Sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamentodell’impianto;
Pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
Sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;
Microcogeneratori (Pe<50kWe);
Scaldacqua a pompa di calore;
Generatori di calore a biomassa;
Installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;
Installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo (limitatamente ai sistemi di accumulo i dati vanno trasmessi per gli interventi con data di fine lavori a partire dal 01/01/2019);
Teleriscaldamento;
Installazione di sistemi di termoregolazione e building automation
Elettrodomestici1 solo se collegati ad un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal:
1° gennaio 2017 per le spese sostenute nel 2018
1° gennaio 2018 per le spese sostenute nel 2019
forni
frigoriferi
lavastoviglie
piani cottura elettrici
lavasciuga
lavatrici
asciugatrici

Pubblicato da Francesco Bellosi

Tecnico nel settore della termotecnica ed esperto di contenuti digitali

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: